Nirvana l'underground di Seattle di Giulia Ferrari

Carica esplosiva, grande talento artistico, forte rabbia da sfogare, l'innato bisogno di esternare le proprie emozioni tramite la Dea per eccellenza: la Musica, lo sforzo di urlare le verità nascoste di un mondo ingiusto e mangia-uomini: queste le principali caratteristiche di un gruppo di giovani talenti distanti dalla scena commerciale che circolava intorno alla seconda metà degli anni '80: i Nirvana.

Cobain, Novoselic e Grohl dei Nirvana Decisi a non sciropparsi tutto quello che veniva venduto come musica genuina, ebbero il coraggio e la costanza di farsi strada con le proprie forze e le poche risorse a disposizione per poi emergere e diventare simbolo di un'intera generazione.
Formatisi alla fine del 1987 con Kurt Donald Cobain alla chitarra e voce, Krist Novoselic al basso e Aaron Burckhard alla batteria, nell'88 incisero con il padrino del grunge, il produttore Jack Endino, il loro primo demo di dieci brani: "Bleach", forte di un loro stile personale e affilato, decisi a non affogare nell'immensità dilagante di gruppi venduti.

Questo debutto viene considerato come un aggressivo trionfo musicale: il demo contiene pezzi come "School", considerato un attacco antisociale allo stato puro e "Negative Creep" che dimostra come la rabbia può divenire uno strumento di potere.
Kurt Cobain e la sua Stratocaster E' presente anche "Love Buzz", cover di un successo del gruppo olandese Shocking Blue e pubblicato dalla Sub Pop come primo singolo dei Nirvana.
Le loro radici musicali vengono rintracciate principalmente nel punk e nel pop, in gruppi come Sex Pistols e Beatles, ma anche ad influenzarli fu anche la musica di Led Zeppelin, Kiss e Black Sabbath.
Dopo un tour americano ed uno europeo, alla batteria subentra definitivamente David Grohl, appena uscito dagli Scream ( una band di hard-core di Washington).
Seguono altri tour e nel settembre '91 viene pubblicato l'album più conosciuto e di maggiore successo dei Nirvana: "Nevermind".
Questo album segna una svolta inaspettata nella carriera dei tre ragazzi di Seattle: solo un mese dopo è in vetta a tutte le classifiche e diventa disco d'oro. "Smells Like Teen Spirit" diviene l'inno della nuova generazione.

Si ritrovano sbalzati in quel bordello industriale del successo che loro chiamano "Suckeggs" (succhia-uova), facendo un tagliente riferimento agli arraffasoldi delle case discografiche, produttori, ecc."Nevermind" può essere considerato più melodico rispetto al suo predecessore, nel senso di una minore presenza di riff graffianti e crudi, ma sicuramente più maturo sotto ogni aspetto e maggiormente studiato e curato.
Cobain, Novoselic e Grohl dei Nirvana Vi si trovano pezzi come "Territorial Pissings", un brano di opposizione a qualsiasi atteggiamento virile, e il sommesso ma violento lamento di "Lithium".
Seguono tour in America, Australia, Nuova Zelanda, Giappone, Hawaii ed Europa.
Esprimendo ribellione e disagio giovanile i Nirvana hanno saputo rianimare la fede nel rock in milioni di appassionati.
Verso la fine del '92 esce "Incesticide". L'album era stato inizialmente pensato come una raccolta del primo repertorio dei Nirvana: i brani sono sparpagliati, senza un ordine preciso e tratti da fonti diverse; troviamo anche alcune rarità e due cover dei Vaselines: "Molly's Lips" e "Son Of A Gun". "Incesticide" è stato definito da alcuni come "raccolta di brani minori"
In tutti i loro concerti, i Nirvana si sono sempre distinti per il suono arrabbiato, quasi violento ed altamente espressivo, per le intense melodie che avvolgono ipnoticamente per poi accecare con versi esplosivi ed urla potenti.

Il loro ultimo album, "In Utero", uscito nel settembre '93, segna una svolta nella loro carriera: quando tutti si sarebbero aspettati una sorta di seguito di "Nevermind", i tre hanno fatto esattamente il contrario e, raccogliendo emozioni e pensieri di svariata natura, hanno creato un insieme di pezzi che vanno dal brillante al corrosivo, all'arrabbiato, al meditativo, sempre però muniti del loro stile inconfondibile con stridori di chitarra, giochi di parole beffardi, vorticosi accordi a cui si accostano versi lenti (solitamente di intro) ed accordi statici.
Fra la provocante "Rape Me" che si apre con un sospiro inquietante e la sorprendente "All Apologies" con la presenza di un favoloso violoncello, non si riesce a non soffermarsi sulla tensione di ghiaccio di "Heart-Shaped Box".
Ma il 5 aprile '94 arriva la fine definitiva dei Nirvana, segnata dalla morte del giovane Cobain. La notizia che viene vuole il giovane musicista suicida ma il dubbio ci rimarrà per sempre...

  • Discografia ufficiale:
  • Bleach (1989)
  • Nevermind (1991)
  • Incesticide (1992)
  • In Utero (1993)
  • Unplugged In New York (live, 1994)
  • For The Muddy Banks Of The Wishkah (1996)
  • Nirvana (greatest hits, 2002)
  • With The Lights Out (boxset, 2004)
  • Sliver: The Best Of The Box (2005)
Bookmark and Share