Gentile, Gio (Rock fusion)

Gentile, Gio Chitarrista, compositore e arrangiatore, nato nell'agosto 1972 nella splendida isola di Procida (NA), sin dall’infanzia si trasferisce a Benevento dove tuttora vive. Dopo la scuola e una parentesi universitaria a Napoli alla facoltà di Architettura "Federico II", ha seguito le tendenze musicali del nonno materno Antonio (violinista, pianista e chitarrista), del padre Michele e della sorella Carla.
Sin da piccolo ha imparato ad amare la musica seguendo il padre che di tanto in tanto si allontanava nella sua stanza a suonare la fisarmonica.
L’incontro con la musica è avvenuto all’età di 10 anni circa, grazie al dono dei genitori di una piccola tastiera, poi dopo qualche anno, ha incominciato a strimpellare una vecchia chitarra classica che era utilizzata come soprammobile nella sua stanza. Incominciano i primi accordi, le prime canzonette con gli amici e l’ascolto dei gruppi pop rock dell’epoca. L’avvicinamento alla chitarra è dovuto all’amico Leopoldo Giannola grande chitarrista blues, che al "muretto" con gli amici, impartiva mini lezioni chitarristiche.
In questo periodo si apprendono le prime spicciole nozioni di armonia. Con il passar del tempo, l’interesse per la chitarra progredisce semrpe più e da quel momento in poi la musica è diventata compagna di giochi e di vita.
Dopo aver continuato a studiacchiare da autodidatta, ha intrapreso, per un periodo di tempo lo studio del Jazz presso la scuola UGS di Pomigliano D’Arco (NA) con l’affermatissimo jazzista Pietro Condorelli. Ha suonato in diverse manifestazioni nazionali e regionali, dal 1993 al 1995 partecipa al memorial "Vincenzo Di Caprio" con il suo vecchio gruppo "Holly Molly" e con i più conosciuti "Sannio Funky" con il quale prende parte alla manifestazione nazionale “Benevento Città Spettacolo 1996” diretta da Maurizio Costanzo e Giordano Montecchi.
Sempre con i "Sannio Funky", nel 1997 partecipa alle fasi finali nazionali del "Benjo Festival" artisticamente diretto dal mitico Gegè Telesforo. Nel 2000 partecipa con il gruppo "70 Mi Dà Tanto" alla manifestazione "4 notti e più di luna piena" diretta dalla sig.ra Lonardo Mastella e Renato Giordano. Alle esibizioni live con diverse formazioni rock/funk dell’area sannita, si alterna la passione per la composizione di musica strumentale.
In un momento particolare della sua vita, ispirato dai gloriosi Pink Floyd, si manifesta la voglia di realizzare un proprio lavoro musicale; è l’inizio della composizione di brani fusion mediterranea che sfoceranno poi nel suo primo disco.
Jimi Hendrix, Ritchie Blackmoore, Patrick Rondat, Steve Vai, David Gilmour, Santana, Neal Schon, Joe Satriani, Van Halen, Steve Moorse, John Petrucci, il primo Pino Daniele, gli italiani Andrea Braido, Massimo Varini, Donato Begotti e il grande Pietro Condorelli influenzano lo stile e l’approccio con la chitarra elettrica. La fusion, la psichedelia dei Floyd, il rock e il funk sono i generi a cui ci si appoggia per la realizzazione delle proprie idee musicali.
Il disco “Makaria”, adesso è in piena promozione grazie anche al fortunato incontro con Sabino Mogavero della Idyllium record, il quale decide di produrre la parte finale del lavoro. Attualmente e’ impegnato come chitarrista nelle bands del rockers "Ghibli" ( Vento di rock – Lucky Music / Deviazioni Elettriche - Vitaminic) con il quale collabora dal 2002, con la "Vincent Luciano Band" e il suo tributo a Ligabue, con i napoletani "No Way Out" e con qualche situazione acustica con il chitarrista fingerstyle Enrico Necco.
Dopo la realizzazione del primo disco, è tuttora in cora per la realizzazione del secondo disco strumentale.

Componenti: Gio Gentile (chitarra)
Provenienza: Benevento (BN - Campania)
Sito internet: http://www.giogentile.com
e-mail: info[at]giogentile.com

  • Prossimi concerti:
  • nessun concerto in programma

Questa pagina è stata visualizzata 2377 volte

Bookmark and Share